Abarone.it Logo

Psoriasi Unguale

Rimedi

Metodi e abitudini contro la psoriasi ungueale
Alcuni dermatologi consigliano applicazioni topiche con acido salicilico e altre sostanze per un periodo prolungato di circa 5 mesi;
Aggiungere all’alimentazione quotidiana cibi che contengano vitamina A oppure implementarli se già presenti;
Tenere le unghie corte e pulire sempre molto bene le aree interessate dalla psoriasi ungueale. Altrimenti si potrebbero verificare nuovi traumi che potrebbero solo peggiorare la situazione;
Usare sapone di Aleppo per la pulizia, e magari integrare con creme dietro al consiglio del dermatologo. È meglio non prendere iniziative per proprio conto;
Usare uno smalto all’urea, che rafforzi e non ammorbidisca l’unghia, soprattutto se non è ancora arrivata la fase acuta della malattia;
Ricorrere a farmaci biologici, anche questi dietro consiglio medico.

Opinione 2:
Come si curano le unghie affette da psoriasi?
Impiego di riducenti naturali: i farmaci d’applicazione locale hanno scarso effetto. Si preferisce utilizzare i riducenti naturali, come lo zolfo e l’acido salicilico, che hanno grande affinità per l’unghia e il tessuto corneo periungueale, ed esercitano azione riducente, antimicrobica e desquamante.

Esposizione al sole: tende a far regredire i danni ungueali prodotti dalla psoriasi. Per migliorare le unghie non è necessaria un’esposizione prolungata: è sufficiente l’energia luminosa dell’estate. Pertanto, se le unghie colpite sono quelle dei piedi, è consigliabile calzare sandali che permettano alla luce di raggiungere le dita.
Detersione con crema lavante: al posto del sapone va utilizzata una crema da lavaggio priva di lauril solfato. I lavaggi devono essere brevi e poco frequenti per non causare la macerazione dei tessuti ed il conseguente peggioramento della psoriasi ungueale.
Fresatura a limetta: per migliorare l’estetica della lamina è opportuno utilizzare una limetta per unghie di tipo professionale. Ce ne sono in commercio alcune rivestite in zaffiro, particolarmente efficienti.
Fresatura con micromotore a turbina: se l’unghia tende a crescere in verticale in modo esagerato occorre rivolgersi ad un podologo.
Mascheramento con smalto colorato: per avere un buon risultato, occorre eseguire una fresatura con limetta o fresa rotante della lamina prima di applicare uno smalto, meglio se di tonalità scure e opaco.
Mascheramento con lamina in resina: quando la lamina è gravemente danneggiata occorre costruire una lamina artificiale in resina. Si tratta di resine liquide, che solidificano con calore o raggi UV. L’applicazione delle lamine in resina ha, in aggiunta alla funzione estetica, anche quella di mantenere disteso il letto ungueale.

barone.antonio@libero.it