Abarone.it Logo

Cloud gratis

Recensione Degoo - 100 GB Gratis

Il Cloud Storage, o nuvola virtuale, è un servizio davvero utile, richiesto, e per questo motivo è offerto ormai anche da tutti i più grandi provider di servizi internet, ma anche dai colossi della comunicazione, dello shopping e addirittura dai produttori di dispositivi tecnologi. Ma perchè è cosi richiesto? Si tratta solo di spazio in cui immagazzinare file o c'è altro?

Le risposte sono molteplici, e i fattori che stanno avendo un ruolo importante nello sviluppo del 'settore' dei servizi cloud sono anch'essi parecchi: si va infatti dalla qualità delle foto scattate dai nostri dispositivi sempre migliore, e di conseguenza il peso delle foto aumenta sempre più, ma è anche molto importante la possibilità di portare con sè documenti, contatti, e qualsiasi altro file, indipendentemente dal dispositivo che ci portiamo dietro.

E allora perché spendere soldi per acquistare dischi rigidi esterni per archiviare i nostri dati quando ?

Perché dovresti rinunciare ad una parte dello spazio disponibile in locale?

Tutti, ormai, hanno deciso di adottare soluzioni di Cloud Storage gratuite.
**
Cosa offre oggi il settore del cloud storage?

Qual è la migliore soluzione per soddisfare le tue esigenze?
**
Cercherò di rispondere a queste domande analizzando i servizi più interessanti.

Degoo è disponibile per:
- Android ( qui una guida - LINK)
- Iphone
- Windows (qui una guida - LINK)
- Mac
- http://static.cwi.it/wp-content/uploads/2017/01/box.png

Dropbox

Dropbox nel panorama Cloud è sicuramente uno tra i più importanti e famosi, se non addirittura il più conosciuto. Iniziamo quindi parlando dell'offerta che propono questo noto servizio Cloud che nonostante gli anni ha ancora parecchie frecce al suo arco rispetto ai concorrenti.

Già Iscrivendosi gratuitamente, Dropbox offre 2 GB gratuiti, che è possibile aumentare grazie a promozioni offerta da Dropbox. Ad esempio basterà inviare amici a registrarsi a Dropbox, installare app sullo smartphone e sui pc per ottenere ulteriore spazio cloud gratuito, fino a circa 18 GB totali( non che sia facile oggi raggiungerli ormai la maggior parte che utilizza questi.

Tuttavia, per chi fa un uso intensivo del pc o lavora molto anche distante dal proprio pc personale sicuramente 18 GB di spazio saranno pochi. Dropbox ha ideato in questo senso dei piani in abbonamento, che possono essere scelti mensilmente o annuali. I piani sono 4: Plus, Standard, Advanced, Enterprise. Il piano Plus è pensato per i clienti privati, ed offre 1 TB di storage spendendo 8,25 al mese nel caso di fatturazione annuale o 9,99 euro al mese in caso di fatturazione mensile.

I piani Standard, Advanced ed Enterprise sono pensati per i team. Il piano Standard offre ai team 2 TB di storage a 10 euro utente/mese in caso di fatturazione annuale, invece a 12 euro utente/mese in caso di fatturazione mensile. Il piano Advanced offre invece spazio illimitato e parte da 15 euro al mese per singolo utente con fatturazione annuale e arriva a 18 euro in caso di fatturazione mensile sempre per utente/mese. C’è infine la soluzione Dropbox Enterprise sempre con spazio illimitato ma con più funzionalità di gestione, assistenza, formazione e sviluppo per venire incontro alle esigenze di una grande azienda. In questo caso, per i prezzi, bisogna contattare direttamente Dropbox.

Tra le caratteristiche che hanno decretato il successo di Dropbox, c’è l’estrema efficienza del processo di sincronizzazione dei dati, che trasferisce sui server solo la porzione effettivamente modificata di un file (sincronizzazione differenziale, o delta sync). Se si modificano poche righe di un documento da 1 MB, viene aggiornata sui server di Dropbox solo la porzione effettivamente modificata. Questa è forse la singola funzionalità che ancora differenzia Dropbox da alcuni dei suoi principali concorrenti, come Google Drive, Microsoft OneDrive, Box o Amazon Cloud Drive.

Dropbox è accessibile sia da browser web, sia tramite le app per Windows, Mac OS X, Linux, Blackberry, Android, iOS e Windows Phone. A livello di sicurezza si segnalano l’autenticazione a due passaggi, crittografia AES 256-bit e protezione SSL per i dati in download e upload. Va detto, che nel 2016 si è scoperto che molte password degli utenti sono state rubate fin dal 2012 (qui alcuni trucchi su come rendere più sicuro Dropbox).

Box

Box è un'altro dei primi servizi cloud storage nati, infatti è nato nel 2005, e sicuramente è stato il primo ad offrire piu di 5GB di storage cloud gratuito. Box propone un’offerta quanto mai variegata, anche se orientata più verso le esigenze delle aziende, di qualsiasi dimensione siano. Principalmente possiamo dividere i suoi abbonamenti in due branchie: i piani personali che comprendono l’opzione gratuita Personal, che offre un generoso taglio da 10 GB di spazio, ma pone un limite di 250 MB di dimensione massima per il singolo file caricato) e la Personal Pro da 8 euro al mese, che mette a disposizione 100 GB di storage e un limite di upload del singolo file di 5 GB.

Ci sono poi i piani Business. Starter (4 euro al mese per utente) è per un minimo di 3 e un massimo di 10 utenti e offre 100 GB di storage, mentre il piano Business offre spazio illimitato a 12 euro al mese per singolo utente (minimo 3 utenti). Infine troviamo il piano Enterprise, il più completo e variegato i cui prezzi sono personalizzati e richiedono un contatto diretto con Box.

Tra gli aspetti più interessanti per le aziende, c’è la possibilità di condividere file e cartelle in modo sicuro anche con chi non ha un account, il supporto per trasferimenti di grandi quantità di dati via ftp, e una vasta gamma di applicazioni che si integrano con i principali software usati in azienda.

L’app di Box.com è disponibile per iOS, Android, Windows e Blackberry. Per Windows inoltre c’è sia l’applicazione Box Sync per una sincronizzazione costante tra i file in tutti i dispositivi grazie agli aggiornamenti automatici, sia Box Edit per creare e modificare file di Office, CAD e Photoshop ospitati su Box direttamente dal browser web.

Amazon Drive

Amazon, il colosso mondiale leader nel settore della vendita online è anche uno dei più importanti fornitori di servizi orientati al web, ai vertici nel settore server. Importante il suo contributo nel cloud server, con i server scalabili in cui si 'paga' solo la porzione di server realmente usata. Ma Amazon è famosissimo anche il suo Amazon Prime, servizio che a soli 19,99 euro all’anno offre sia spedizione gratuita su parecchi prodotti del marketplace, ma anche mette subito a disposizione automaticamente 5 GB di spazio in cloud per caricare file e spazio diventa illimitato per il caricamento delle foto. Il vero punto forte di Amazon Drive è però il piano da 70 euro all’anno (i primi tre mesi sono gratuiti) che offre storage illimitato. Un’offerta a dir poco allettante considerando anche il peso, l’importanza e l’affidabilità di Amazon quando si parla di cloud in generale.

Amazon Cloud Drive

Purtroppo, tra i servizi dei “grandi”, il Cloud Drive di Amazon è forse quello meno integrato con applicazioni di terze parti, cosa particolarmente importante nel caso delle app mobile, per le quali non esistono possibili scorciatoie che passano dal file system come su pc.

Oltre al classico accesso da web, sono disponibili i client desktop per Windows e Mac OS X e due tipi di app, entrambe per iOS e Android. Amazon Drive è dedicata allo storage di qualsiasi tipo di file, mentre Amazon Prime Photos permette il salvataggio automatico sul cloud di foto e video.

barone.antonio@libero.it